Flan di verdure_Table Tales_personal chef
Sono un personal chef, e quindi cucino nelle cucine dei miei clienti, a casa loro di solito.

E dalle cucine dei miei clienti traggo ispirazione non solo per i i piatti di Table Tales _ personal chef, ma anche per la mia casa, cogliendo qualche dettaglio nel loro arredamento e nei loro spazi di lavoro per reinterpretarlo nel mio futuro arredamento. Futuro immediato, o speriamo almeno molto vicino, perché sto cercando di comprare una casa a Milano, il che però da un anno mi pare un’impresa titanica.

Tempo, serve tempo, prima di tutto, forse prima anche dei soldi.

Le case vanno talmente a ruba che mi è capitato un paio di volte di essere interessato ad un appartamento venduto la sera stessa del primo appuntamento di visite. Nemmeno il tempo di lasciare gonfiare un tortino nel forno.

Sempre le stesse coppiette in coda fuori dai civici da vendere, ormai le sgamiamo subito, c’è competizione fra gli innamorati alla ricerca delle stesse tipologie di appartamentini; alla fine delle stringatissime visite, quando si incrociano gli sguardi all’ingresso con altri clienti dell’agenzia, ormai siamo arrivati ad alzare un po’ il tono della voce raccontandoci gli inesistenti difetti della muffa sulle pareti del bagno e del parquet costosissimo da rifare. Se potessi stendere una colata di scivolosa salsa al parmigiano per le scale degli appartamenti più interessanti per farci scivolare gli altri potenziali acquirenti, lo farei senza pietà.

E poi, la banca.

Non ci puoi andare completamente sobrio, bisogna crearsi il coraggio di firmare quel tipo di carte intrappolanti. Ok che i mutui sono ai minimi storici, ma io auguro una spruzzata di grappa vicino agli occhi ai futuri debitori per non vedere a quanto corrispondano, dopo trenta anni, quelle minuscole percentuali di tassi di interesse guadagnati dalla banca.

Vorrei essere questo tortino, basterebbero due foglie di spinacino per mettermi un tetto sulla testa.

PREPARAZIONE

Dosi per 13-14 tortini
1,2 kg di bietoline e spinaci freschi
10 foglie di basilico
10 foglie di menta
7 uova
100 grammi di parmigiano
latte

Per la salsa
250 ml di panna fresca
250 grammi di parmigiano
Per l’olio
200ml di olio evo
5-6 bacche di ginepro

Scottare in padella le bietoline e gli spinaci con un filo d’olio e uno spicchio d’aglio. Scolarle cercando di togliere tutta l’acqua che si sarà generata.
Frullare in un mixer tutti gli ingredienti insieme alle bietole e agli spinaci. Correggere il composto ottenuto di sale, pepe e un pizzico di noce moscata.
Imburrare i pirottini, inserirvi il composto fino a due terzi e infornare per 45 minuti a bagno maria a 160 gradi.
Per la salsa, scaldare a fuoco molto basso la panna fresca e il parmigiano, mescolare con una frusta per far sciogliere il parmigiano reggiano. Se necessario frullare con un minipimer per togliere i grumi.
Per l’olio al ginepro, scaldare un bicchiere di olio extra vergine di oliva fino a 82 gradi con 5-6 bacche di ginepro leggermente schiacciate. Fare raffreddare e lasciare le bacche in infusione per 24 ore. Filtrare conservare in frigorifero fino a 4 settimane.
Impiattare rovesciando il tortino sul piatto, cospargerlo con la salsa al parmigiano, adagiarvi sopra qualche foglia di spinacino condito con sale e olio al ginepro. Decorare con qualche pezzettino di nocciola e servire.
Quando il piatto è servito spruzzare 3 volte la grappa secca Nonnino con uno spruzzino.

Scopri i servizi Table Tales di Personal chef a domicilio, catering e bancqueting #personalchef # chef a domicilio #tabletales

Lascia un commento