Table Tales - Personal chef a domicilio

Sono un personal chef a domicilio con tanti amici, alcuni etero e alcuni gay, e questi in particolare vorranno scusarmi in anticipo se magari in questa storia non utilizzerò un linguaggio perfettamente politically correct nel parlare di temi cari alla comunità LGBT.
E’ che l’idea di questo risotto nasce da una serata in cui sono riuscito a fare assaggiare a due mie amiche lesbiche del lattume di tonno. Che sarebbe poi, come la tradizione siciliana ci insegna, lo sperma e la sacca scrotale del buon maiale del mare (di cui non si butta via niente), assaggino da cui quella sera sono nati discorsi a tavola che avrebbero fatto arrossire chiunque.

Ma facciamo un passo indietro…

…quando qualche anno fa ho conosciuto queste due splendide ragazze, ed ho saputo che erano una coppia, ho dovuto telefonare al mio migliore amico. Per testimoniare sull’esistenza reale e fattiva di un mito su cui tutti gli uomini si interrogano da millenni: le donne belle che si limonano duro come nei porno esistono davvero.
Ragazze, so che mi state maledicendo perché sto infrangendo il vostro diritto a non entrare nei pensieri sessuali di uomini che non desiderate. Mi spiace, sapete che è stata la defaillance di un momento ed è un pensiero che non si è mai più ripetuto, ma sarebbe ipocrita da parte mia non raccontare ciò che davvero è accaduto nella mia testa nel momento in cui ci siamo conosciuti.

Dicevamo… quella sera il lattume di tonno aveva scatenato lontani ricordi e lontani sapori.

Mentre si rideva, io intanto pensavo a creare un risotto nuovo.

Complesso come due teste di donna che creano una coppia. Dolce e avvolgente come il cioccolato bianco e come due ragazze che si vogliono bene. Piccante anche, come il wasabi per i pensieri eccitanti che inevitabilmente suscitano queste tenerezze nella testa dei maschi. E del basilico, per ripulire la mia bocca da tutte le idee sconce e inappropriate di cui sono stato colpevole.

PREPARAZIONE

Dosi per 4 persone:
280g di riso Carnaroli
80g di cioccolato bianco
1 mazzetto di basilico
1 cucchiaio di pasta di wasabi
qualche germoglio di basilico
mezzo bicchiere di vino bianco

Per l’olio al basilico, sbollentare le foglie per 30 secondi e immergerle in acqua ghiacciata per bloccare la cottura e mantenere un colore verde acceso; asciugarle e emulsionarle con olio a filo nel frullatore ad immersione.

Per il riso, tostare i chicchi in casseruola a secco, sfumare con il vino bianco e portare a cottura al dente aggiungendo poca acqua salata per volta. Mantecare con il cioccolato, il wasabi e l’olio al basilico. Impiattare decorando con qualche germoglio di basilico e ancora qualche goccia di olio aromatizzato.

Scopri i servizi Table Tales di Personal chef a domicilio, catering e bancqueting #personalchef # chef a domicilio #tabletales

Lascia un commento