Table Tales - Personal chef _ Uovo in camicia
“Testa gialla, bianca, viola, arancio, e poi di nuovo”,

potrebbe intitolarsi anche così questo piatto, se penso alla persona a cui è ispirato…che poi è la creatrice del logo di Table Tales – Personal chef!

Si dice che quando una donna cambia taglio o colore di capelli radicalmente, in realtà vorrebbe rivoluzionare la sua vita o la sua personalità.
Questo non è il caso della mia amica Claudia, altrimenti ci sarebbe un caso grave e serio di bipolarismo e schizofrenia, dietro ad ogni suo cambio di colore. Claudia sarebbe in grado di passare dal viola argentato al biondo platino, passando per un taglio alla Fantaghirò, nel giro di un mese, senza pentimento. Forse recentemente si è un po’ calmata, ma le sue foto su Facebook compongono un piccolo splendido storico arcobaleno di capelli.
Eppure, si tratta di una delle donne più coerenti che conosco. Semplicemente, credo io, i colori che ha dentro la testa a volte hanno bisogno di uscire, e fluiscono direttamente fra i capelli, magari senza nemmeno bisogno di un parrucchiere.

Così è nato il logo di Table Tales – Personal chef

Grande creativa, come me a volte vede cose che nessun altro è in grado di osservare, a volte nemmeno di immaginare.
Io le devo grandi risate, grandi confidenze, probabilmente qualche bottiglia di vino, e – fra le altre cose – anche il logo di Table Tales – Personal chef.
Per la cena di ringraziamento per il suo lavoro, avevo preparato  questo uovo poché, finferli, patate viola e tartufo bianco, mettendo nel piatto qualche colore che lei aveva portato in giro sulla sua testa. Oltre a qualche vizietto gastronomico, perché Claudia è golosa della montagna e dei suoi frutti, e scava molto dentro sé stessa, trovandovi profumatissimi tartufi.

PREPARAZIONE

Dosi per 4 persone:
4 uova freschissime
2-3 manciate di finferli freschi
3 patate a pasta viola
Prezzemolo fresco qb
Un tartufo bianco di circa 15/20 grammi
Aceto
Olio evo
Sale e pepe

Iniziare facendo bollire le patate viola per circa mezz’ora con la buccia. Una volta cotte sbucciarle e schiacciarle con una forchetta in modo da ottenere un impasto grossolano. Condire con un filo d’olio, salare e pepare.
Per fare le uova in camicia (uova pochè) mettere sul fuoco una pentola del diametro di circa 25 cm riempiendola di acqua fino a 2/3. Portare l’acqua a bollore e aggiungere due cucchiai di aceto.
Aprire l’uovo in una ciotolina. Con un cucchiaio di legno creare una sorta di piccolo vortice d’acqua nella pentola, abbassare il fuoco e immergervi l’uovo delicatamente. Lasciare cuocere per tre minuti (l’acqua non deve mai bollire ma fremere).
Nel frattempo, dopo aver accuratamente pulito i finferli, saltarli in padella per un paio di minuti con un filo d’olio, uno spicchio d’aglio e prezzemolo fresco tritato.
Impiattare disponendo una quenelle di patate viola, un paio di cucchiai di finferli e disporre al centro l’uovo in camicia. Grattare il tartufo a lamelle direttamente sull’uovo.

Scopri i servizi Table Tales di Chef a domicilio, catering e bancqueting #personalchef #chefadomicilio #tabletales

Lascia un commento