Pasta alla norma_Table Tales, chef a domicilio
Se sei uno chef a domicilio e convivi.

Convivenza significa anche rinunciare a vedere MasterChef in TV il giovedì sera per girare su Top Crime ed assistere agli omicidi di mezza America, e magari hai anche la serata libera dall’attività di chef a domicilio. Che fra Law & Order e Rizzoli & Isles, io mi chiedo come ancora possano vivere milioni di persone negli Stati Uniti. Forse perché “a New York opera l’unità Vittime Speciali, una squadra di detective specializzati che indagano su questi crimini perversi. Ecco le loro storie. Tun Tun”.
Era una tranquilla domenica sera, quando il Detective Pizzo venne chiamato nel cuore della notte per indagare su uno strano omicidio. Ad un primo acchito poteva sembrare un semplice caso di Pasta alla Norma, eppure alcuni indizi portavano in tutt’altra direzione. Forse seriale. Sicuramente sospetta.
Sulla scena del crimine, una melanzana imbavagliata, legata per tutta la buccia con fili di pasta Capelli d’Angelo, fritti ma non unti. Anche il pomodorino vicino alla melanzana era stato barbaramente caramellato, ed il suo sughetto si spargeva per tutto il piatto. La ricotta salata poteva fare pensare ad un delitto di matrice siciliana, eppure Detective Pizzo sapeva che questo piatto così rivisitato al Sud non si era mai visto. E la menta nel sugo di pomodoro…decisamente non in Sicilia, avrebbero lasciato tracce di basilico piuttosto che di menta.
Doveva sicuramente essere stato un contestatore, qualcuno che ammira la tradizione della Pasta alla Norma, mane vuole esplorare le potenzialità, rivederne le regole. Forse qualcuno molto giovane, magari con una complice mezza siciliana e mezza nordica.
Rivorrei il telecomando, grazie.

RIVISITAZIONE DELLA PASTA ALLA NORMA

PREPARAZIONE

Dosi per 2:
1 melanzana
10 pomodorini ciliegini
100 gr di pasta Capelli d’angelo
olio di semi di arachidi
30 gr di ricotta salata
qualche foglia di basilico
olio evo

Iniziare tagliando la melanzana in 2 per il lungo. Apportare dei taglietti sulla polpa in modo che il calore del forno penetrerà più facilmente cuocendo la melanzana in maniera uniforme. Condire la melanzana con un filo d’olio, sale e pepe e infornare 20 minuti a 180 gradi.
Nel frattempo, tagliare i pomodorini a metà e stenderli su una teglia con il lato del taglio in alto. Condire con olio, sale, pepe, una spolverata di zucchero e aglio. Cuocere in pomodorini in maniera confit, a 130 gradi per 1h e 30 minuti. Dopodichè frullare i pomodorini e passarli al chinois per ottenere una salsa liscia.
Cuocere i capelli d’angelo in acqua bollente salata due minuti in più del tempo indicato sulla scatola (dovendo friggerli dopo, resteranno croccandi fuori e morbidi dentro).
Avvolgere la melanzana con una fascia di capelli d’angelo e friggere ad immersione finchè la pasta non risulta croccante e dorata.
Servire la melanzana su una cucchiaiata di salsa di pomodoro e grattare sopra la ricotta salata.

Scopri i servizi Table Tales di Chef a domicilio, catering e bancqueting #personalchef #chefadomicilio #tabletales

Lascia un commento