Quando il tuo amico (all’epoca coinquilino) si presenta in ufficio da te alle quattro del pomeriggio senza avvisare, vuol dire che è successo qualcosa di clamoroso. Nella mia testa, o la sua donna era incinta, oppure c’erano guai a casa. Scendo dall’ufficio fino in reception e: l’avevano licenziato.

Inserisco un attimo di contesto per farvi capire il personaggio. Cervello fino, animo ribelle ed inquieto fin dal liceo e mai sopito, grande spirito commerciale, doppia madrelingua, economista devoto alla politica ed alle tematiche energetiche. Aveva aperto a Milano una nuova sede di una società francese, stabilito il business, formato le nuove risorse, capitalizzato. Ed era stato licenziato quel pomeriggio, così d’emblée, come direbbero i francesi appunto.

Il pesto di rucola di questo piatto è una dolcezza, al confronto dell’amaro che aveva in bocca lui.

Amico chiama, Pizzo risponde, adunata del gruppetto di amici milanesi: siamo ai titoli di testa di Una Notte da Leoni, di cui non posso raccontare molto. Diciamo solo che quella sera, al contrario di tante altre, gli insulti non erano rivolti alla tele mentre giocavamo a FIFA sul divano.
Ed i maccheroni che abbiamo mangiato di mattina per asciugare la sbronza erano con l’olio e basta, credo.
Nel ricordo di quella serata, la bottarga ed il pesto di rucola rappresentano quanto salata, amara e macinata possa essere una sconfitta lavorativa. Ma anche quanta forza e quanto sapore possano uscire, passata la batosta, da una grossa rivincita, che il mio amico ottenne mesi dopo, con gran gusto di palato e di portafoglio.

PS: Un giorno il mio amico aprirà una sede francese di Table Tales.

MACCHERONI, PESTO DI RUCOLA E BOTTARGA DI TONNO

Dosi per 4 persone:
100 gr di rucola
50 gr di parmigiano reggiano
50 gr di mandorle
100 ml di olio circa
sale e pepe
360 gr di pasta tipo Maccheroni
20-30 gr di bottarga di tonno

Mettere su l’acqua della pasta e salarla. Quando bolle buttare i maccheroni.
Mentre la pasta cuoce preparare il pesto di rucola mettendo tutti gli ingredienti nel bicchiere del frullatore ad immersione e frullare fino a quando si ottiene una crema tipo pesto. Trucchetto: prima di frullare mettere nel bicchiere un cubetto di ghiaccio! Il freddo aiuterà a mantenere il colore più brillante senza che la rucola ossidi e annerisca. Aggiustate di sale e pepe. Scolate la pasta e mantecatela con il pesto di rucola; se risultasse asciutta aggiungere un mestolo di acqua di cottura.
Grattate la bottarga sul piatto impiattato!

Scopri i servizi Table Tales di Chef a domicilio, catering e bancqueting #personalchef #chefadomicilio #tabletales

Lascia un commento